Il poter gestire personalmente un pezzo di terra e produrre anche quel poco che viene seminato, fa parte di un percorso di autostima, inoltre il socializzare, collaborare e condividere la consapevolezza del valore della terra conseguentemente è anche integrazione con l’altro.